Commenti

10/11/2017 | 18:06
Barbara Cascinari

Buongiorno, io vivo e lavoro a Roma, lavoro come op.trice addetta alle pulizie di uffici, premetto che ho un invalidità civile per epilessia al 90%, Io ho due lavori, quello della mattina trovato a Dicembre 2016, è sempre di pulizie part-time, per 21 ore la settimana; quando stacco dal primo posto che si trova a Laurentina piazza Ardigo, il lunedì alle 13:30 ho 45 minuti per arrivare all’altro posto di lavoro (zona P.zzale Flaminio), il mercoledì uguale anche se esco alle 12:30 perché nella banca devo entrare alle 13:30 per le pulizie delle scale; gli altri giorni poco di più, nella banca dove lavoro il pomeriggio, quando passano le 17:00 viene bloccato l’unico ascensore che porta ai 3 piani superiori, che però per arrivare a piedi in ogni piano, si deve percorrere un doppio giro di rampa di scale. Il mio responsabile vuole obbligarmi a coprire i piani superiori, dove lavora la mia collega, ma quando ho finito il mio orario alle 17:00 sono già 11 ore che sono in piedi di continuo (Ho un piede dove è uscito fuori dolore fisico, dopo un pò che ho iniziato il nuovo lavoro, probabilmente a causa di una vecchia frattura), io non c’è la faccio a fare altre due ore di straordinario, anche perché per salire e scendere dai piani bisognerebbe smontare il carrello a X e fare su e giù diverse volte, per portare l’attrezzatura, il responsabile dice di portarsi su solo il sacco con il mocio, ma dimentica che spesso non abbiamo i sacchi di ricambio piccoli, come tutto il resto, perché l’azienda salta volontariamente la fornitura, dato che la banca non paga più il materiale; e ai piani superiori nei secchi piccoli buttano tutto insieme, sigarette cibo e carta. Io non voglio fare più questi straordinari anche perché quando si tratta di coprire le mie aree, la mia collega invece di fare 2 ore e 45, fa solo 45 minuti perché può venire di mattina soltanto ed alle 8:30 gli uffici aprono alla clientela, danneggiando così le mie superfici. Posso rifiutarmi data l’invalidità civile, inoltre mancano 10 anni di contributi (conteggiati insufficienti dall’INPS), e non vogliono pagare gli scatti di anzianità.

Aggiungi un commento

  • Nome
  • E-mail
  • Commento